Connect with us

Fashion

Wonderful fashion Style & Looks Plus Size Curvy Fashion Model

Published

on

Fashion

Milano fashion Week 2020: intervista con Coco Rocha

Published

on


In occasione della Milano Fashion Week, abbiamo incontrato Coco Rocha, qui sotto l’intervista completa

L’appuntamento è alle 12:15 presso Elite World, in piena fashion week. Coco Rocha è puntuale: arriva vestita di nero con una paio di stivaletti che slanciano ancora di più la sua figura longilinea. Dopo le canoniche presentazioni, chiede gentilmente un cappuccino con tanto zucchero. Una dolce conferma che Coco Rocha non è avvezza all’idea di stereotipo. Sognava di fare la ballerina di danza irlandese e ora è una delle modelle più amate, anche grazie alla sua forte personalità. Tutti sanno che non è mai scesa a compromessi: non ha mai posato senza veli sul set

Un punto di riferimento importante per le nuove generazioni che hanno sicuramente più possibilità nel farsi notare, grazie all’era digitale e dei social network, ma che molto spesso si perdono, ciechi dall’ambizione. I valori sono importanti e vanno difesi: tra le parole dell’intervista si legge una volontà di non essere solo un corpo, una modella ha anche una mente, delle ambizioni e proprie idee. Insomma, non è solo un manichino che indossa abiti e accessori. Non è un caso che Elizabeth Taylor, Cindy Crawford e Iman sono delle figure importanti per lei: un’attrice e due modelle dal forte carattere che hanno fatto parlare di sé non solo per la loro bellezza.

Milano Fashion Week, evento Moncler

© Stefania D’Alessandro

Hai iniziato la tua carriera come modella, molto giovane. Era il tuo sogno o avevi altre aspirazioni?

Quando ho iniziato la mia carriera come modella avevo solo 14 anni: all’epoca pensavo solo a ballare. Amavo la danza irlandese e in occasione di una gara, un model scout, presente per la figlia che partecipava, mi notò. Si avvicinò e mi chiese “hai mai pensato di lavorare come modella? ”. È successo tutto per caso, anche perché la figura della modella l’associavo all’idea di donna, io ero solo una ragazzina. Quell’agente persuase mia madre a fare delle foto. Poco dopo partii per New York e poi arrivarono i primi lavori in giro per il mondo. Più andavo avanti e più pensavo “mi piace, questo potrebbe diventare il mio lavoro”. Tutto sommato ha qualche punto in comune con la danza: la modella deve in qualche modo esibirsi come in una performance.

Come hai vissuto questo cambiamento? Avevi solo 14 anni…

In poco tempo mi sono vista catapultare dalla scuola al set fotografico. All’epoca ero una ragazzina timida, forse anche un un po’ impacciata. Grazie alla fashion industry sono diventata una persona schietta, sicura di sé e che vuole esprimere la sua opinione. Se dovessi tornare indietro di 10 o 20 anni, non avrei mai immaginato che la moda mi potesse cambiare così tanto e ne sono contenta. 

Sei riuscita a unire il tuo lavoro con i tuoi valori spirituali, una chiara testimonianza che è possibile conciliare i due aspetti…

Sì è possibile e per me sono state importanti due figure, anch’esse modelle. Cindy Crawford, perché è stata capace di creare l’idea di branding. Non è solo una modella ma una donna di successo, grazie alla sua personalità. L’altra è Iman: una volta arrivata sul set le dissero che non avevano trucchi per preparare il make-up e così pensò di creare una linea cosmetica per tutti i tipi di incarnato.

Qual è il tuo primo ricordo sul set?

Ho immagini piuttosto sbiadite ma mi ricordo che su uno dei primi set, il fotografo mi mostrò degli scatti con Gemma Ward, chiedendomi di posare proprio come una super modella anche se non lo sarei mai diventata. Un’affermazione che non mi colpì più di tanto, visto che il mio obiettivo non era quello di diventare una super star. Se ci ripenso, quella non fu una frase molto carina. E poi questa foto – ndr mi mostra uno scatto sul suo smartphone -, questo è stato uno dei miei primi lavori: avevo i capelli molto lunghi e me li tinsero per l’occasione.

Non solo per la bellezza ma anche per le tue scelte, sei un punto di riferimento per le nuove generazioni. Un paio di consigli che vorresti dare…

Quando ho iniziato questo lavoro avevo un termine di paragone abbastanza eguale con la generazione di modelle passate: bastava vedere gli scatti fotografici per capire cosa funzionava o meno. Ora le nuove generazioni hanno nuovi strumenti, prima di tutto i social network. Ora si ha la possibilità di fare photo editing da sole, modificare gli scatti e postarli direttamente sul proprio profilo. Sono uno strumento molto importante perché permette di autodeterminarsi con la propria scelta di foto e parole. Si comunica in modo diretto, senza filtri, offrendo la possibilità di condividere la propria idea. Tutto questo diciassette anni fa non era possibile. C’è, però, anche un’altra faccia di questa medaglia: centinaia di commenti negativi possono avere una risonanza importante, con relative conseguenze. In ogni caso, con l’era digitale la nuova generazione ha più possibilità di diventare modella grazie ai gradimenti social, quindi all’audience. La gente si è resa conto che una modella non è riducibile a un “bel viso” ma è anche intelligente e ha delle sue idee. Un punto di riferimento cui ispirarsi. C’è un senso di responsabilità nel diventare una modella.

Se tua figlia volesse diventare modella, quale sarebbe la tua reazione? 

Ho creato con mio marito un Model Camp dedicato proprio alle nuove generazioni. Ad oggi si sono presentate circa 600 aspiranti modelle, alcune delle quali sono arrivate con le rispettive madri. In questo caso è normale affrontare dibattiti e discorsi in merito all’ambiente moda e di come influisce nella crescita delle giovani ragazze. Io mi interfaccio direttamente con loro e sarebbe assurdo dirti “mia figlia non lo farà”. Rimane sottinteso che io ci tengo a curare ogni più piccolo aspetto. È anche vero che molti figli difficilmente seguono le orme dei genitori, proprio perché si cresce in un determinato ambiente: io ne sono un esempio, nella mia famiglia i più hanno lavorato nell’aviazione e io non l’ho mai desiderato. Posso però dirti che al momento mia figlia ha il desiderio di diventare una veterinaria.

Hai un’icona di stile? 

La mia icona di stile è Elizabeth Taylor – ndr solo ora noto l’utilizzo dell’eyeliner nero in stile “Liz” -: mi piace molto il fatto che l’attrice scegliesse lei direttamente cosa indossare senza alcun supporto di styling, guardando tra capi nuovi e d’archivio. E come lei mi piace scegliere il look al di là della stagionalità del prodotto. Dopo la morte di Elizabeth Taylor, è stata organizzato un’asta con parte del suo guardaroba e questa è stata un’occasione per aggiudicarmi un pezzo. Nel dettaglio si tratta di una jumpsuit gialla firmata Givenchy che poi indossai in occasione del Met Gala – ndr del 2012 -. Un capo unico che preferisco rispetto ad alcuni nuovi pezzi moda. È curioso perché il capo era già macchiato di vino e sul red carpet alcuni fotografi gridarono “c’è ancora la macchia di vino di Liz?”. Il mondo concorderà che è la macchia più chic. 

L’ultimo buon libro che hai letto…

Ultimamente mi capita di leggere favole per bambini – ride -. Ma c’è un libro che mi piace molto, è Rossella, il sequel di Via Col Vento.

Qual è la prima cosa che fai quando ti svegli?

Coccolo i miei figli.

Qual è la prima cosa che fai quando sei online?

Tik Tok, perché è un social network divertente. Ormai Instagram si è convertito a mezzo di lavoro. 

E l’ultima cosa che fai prima di andare a dormire? 

Controllo che tutto sia a posto, faccio un check generico sul telefono tra mail ed Instagram e verifico che i miei figli siano a letto.

Emoticon preferita o che usi di più?

Lo smile con l’occhiolino, la uso in modo molto sarcastico anche per evitare fraintendimenti. 



Source

Continue Reading

Fashion

Lightspeed teams up with CommentSold to launch social selling

Published

on


E-commerce technology company Lightspeed Pos Inc. is teaming up with social commerce platform CommentSold, to boost sales for online retailers via social media. 

Lightspeed teams up with CommentSold to launch social selling. – CommentSold

The partnership will allow brick-and-mortar retailers to add social media as a selling channel via CommentSold’s integrations with Facebook and Instagram. 

In a nutshell, Lightspeed users will now have the ability to auto-sync inventory from Lightspeed to CommentSold, which will help automate retail operations and help streamline shipping and fulfillment for inventory sold on social.

“CommentSold provides a frictionless social shopping experience that allows stores to sell right on Facebook, Instagram, and personalized mobile apps,” explained Andy Smith, COO of CommentSold.

“Paired with Lightspeed’s scalable point-of-sale systems, these stores can now seamlessly sell everywhere, giving them a chance at competing in an ever-changing marketplace.”

The new feature is especially important to fuel boutique retail growth, as more consumers on discovering products via social media. 

Venture capital firm Kleiner Perkins’ 2018 internet trends report estimated that 78 percent of American consumers have discovered retail products to buy via Facebook, while ROTH Capital Partners reported that 45 percent of millennials have purchased apparel products from brands they discovered on Instagram.

“This integration is a response to a need we’ve heard from our retail users,” added Peter Dougherty, Lightspeed’s senior director of partnerships.

“We are excited to offer our customers easy access to sell on social because it makes something that might have felt intimidating suddenly become attainable.”

Earlier this month, Lightspeed announced a revenue jump of 61 percent in its third quarter, reaching 32.3 million. 

It expects revenues for the fourth quarter to be in the range of $35 to $35.7 million, representing year-over-year growth of 64 to 68 percent.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com All rights reserved.



Source link

Continue Reading

Fashion

Street Style Trends at Milan Fashion Week 2020

Published

on


While Milan Fashion Week usually feels like a sharp contrast to London in terms of street style outfit trends, it really does feel like everybody’s toned down. Of course, this is in the street style sense: outfits will always be for show rather than real life. And yet, overall they just feel a bit more refreshingly calm than in past years.

Where the trend of London Fashion Week street style was “non-trend trends”, Milan feels similarly classic, despite it usually being the most outlandish. Lots of suits, neutrals, and classic handbag shapes. It really does feel like the years of hyper trends are nearing their end, and people have really come into their own personal style that much more.

If you haven’t heard, it was announced over the weekend that Raf Simons will join Prada as a co-creative director for the brand, joining Miuccia at the top. This major fashion news, and the excitement with which is was received, confirms something we’ve felt across fashion month: fashion is re-prioritising quality. It just feels like people are really ready to invest in pieces that will love and will last forever, rather than a “season”. 

Of course as long as fashion weeks still exist, there will be always be a few outfit trends that emerge among the show-goers and style set walking about. We’ve spotted five that we feel we can work into our existing wardrobes. One is rather rogue, one colour was predicted, and an old “It bag” has made an overwhelming return. Keep scrolling to see the street style trends from Milan Fashion Week and see if any fit into your style.  



Source link

Continue Reading

Trending

//onemboaran.com/afu.php?zoneid=2954224
We use cookies in order to give you the best possible experience on our website. By continuing to use this site, you agree to our use of cookies.
Accept